Logo_TSR.png

Qualche giorno dopo il ritorno dalla vostra missione, Tess convoca il vostro piccolo gruppo per una riunione in una delle sale conferenze della struttura. Il capo dell’Agenzia non dice una parola, mentre voi prendete posto nella stanza angusta.

 

Tess sembra preoccupata. All’improvviso alza la mano e inizia a muovere un dito in aria con brevi movimenti ripetitivi che lentamente disegnano una forma fatta di perle scintillanti e bluastre. Il suono della stanza si fa piano piano più ovattato e i contorni dell’ambiente diventano sfocati, quasi come se fossero stati cancellati.

 

Per una migliore immersione: se Tess è in gioco, consegnate il dispositivo nelle mani del giocatore che impersona Tess in modo che possa leggere ad alta voce il testo sottostante.

 

“Ci troviamo in una bolla di isolamento temporale, perché quello che sto per dirvi deve rimanere strettamente tra noi. Ho mantenuto questo segreto per mesi, ma non posso continuare a farlo: devo parlarvi di nuovo di ciò che è successo all’Agenzia T.I.M.E. All’epoca pensavo di essere l’unica a poter gestire la cosa. Credevo di essere la persona che avrebbe portato a compimento il rinnovamento, l’unico collegamento in grado di salvare l’umanità. Addestrata come un soldato, e guidata da proiezioni tachioniche molto precise, sono riuscita a salvare l’Agenzia recuperando i cubi necessari dagli agenti che stavano tornando dalle loro missioni. Se non fosse stato per questi agenti anonimi – o per meglio dire “giocatori”, come siamo soliti chiamarli noi – non sarebbe potuto rinascere niente. E questi giocatori… Io li ho abbandonati.

 

Subito non sono stata in grado di ricordare: in un primo momento credevo di essermi congratulata con loro e che avessero fatto il viaggio insieme a noi. Recentemente però hanno iniziato a riaffiorare dei vaghi ricordi. L’immagine dei loro volti, così stupiti, è ben impressa nella mia memoria. È stato come se qualcuno avesse agito al posto mio… Non posso sopportare di sentirmi così colpevole. Ho come la sensazione che quello che è successo lì in quel momento sia il punto cruciale della nostra storia. Non abbiamo altra scelta che tornare lì.

 

So benissimo cosa state per dire: che ci abbiamo già provato, che non possiamo trasferirci nella zona temporale dell’evento stesso, che l’attacco degli Eloi ha letteralmente cancellato la distruzione dell’Agenzia dalla linea temporale, in completo disprezzo di ogni parvenza di continuità. Lo so.

Ma credo di avere una soluzione.

 

A questo proposito, dobbiamo smascherare il leader degli Eloi, a qualsiasi costo. Lo chiameremo la “Guida”, in mancanza di qualcosa di meglio. È l’unico in grado di ripristinare quel momento. Per trovarlo, dovremo rintracciare i suoi quattro Messaggeri. Questo dovrebbe portarci dritti a lui. Ora ascoltatemi attentamente: ogni Procedura Missione che inizia con 4SK è una missione che serve da rifugio sicuro per uno o più Messaggeri. Questi Eloi sono in possesso di una pietra verdastra, un ricettacolo per il potere della Guida, e non è mai troppo lontana da loro. Dovremo impossessarci di ognuna di queste pietre e riportarle tutte qui. Se una missione che presenta quel codice è già stata portata a termine in precedenza, dovremo controllare di non aver riportato indietro la pietra per errore, oppure recarci di nuovo lì, se necessario. Una volta che avremo tutte e quattro le pietre, ci troveremo in una posizione che ci permetterà di fare due chiacchiere con la Guida…

 

Ecco qua, Agenti, ora sapete tutto.”

 

Con uno schiocco delle dita la bolla temporale evapora, permettendo ai suoni e ai rumori esterni di insinuarsi nuovamente nella stanza.