Accanto a un magazzino in lamiera spalancato, individuate delle casse contrassegnate dal logo dell’Agenzia, proprio accanto a un’invadente vegetazione. In piedi su un palcoscenico di fortuna, non fate caso a un’assemblea formata esclusivamente da membri dell’Agenzia.

Tutti gli occhi sono su di voi. La folla è silenziosa. Se non fosse per il fruscio del vento, potreste sentire uno spillo cadere.

 

Visibilmente ansiosa, Tess Heiden prende la parola e si rivolge ai sopravvissuti dell’Agenzia T.I.M.E:

(Consegnate il dispositivo nelle mani del giocatore che impersona Tess in modo che possa leggere ad alta voce il testo sottostante. Se nessuno ha scelto Tess, scegliete un giocatore qualsiasi che legga il testo).

“Salve Agenti! Come accordato, è giunto il momento di valutare le nostre operazioni, dato che abbiamo lasciato la nostra Agenzia precedente in tutta fretta.

 

Andrò dritta al punto: la valutazione è mista, e mi lascia preoccupata per i giorni che verranno. Sebbene le nostre missioni per prevenire nuove distruzioni della linea temporale siano andate tutto sommato bene, i nostri sforzi per il reclutamento hanno mostrato delle difficoltà. Siamo a corto di personale ed è cruciale riuscire a vedere un miglioramento in questo ambito.

 

Inoltre, sembra che le cattive abitudini stiano prendendo piede: è vero che siamo stati addestrati per compiti specifici, ma dobbiamo iniziare un allenamento incrociato. Credete veramente che il cibo confezionato cresca sugli alberi? Che l’acqua potabile appaia magicamente nel nostro deposito? Che l’apparecchiatura sanitaria e medica filtri in un qualche modo dalla gelatina verde che circonda la nostra isola? È di vitale importanza che ognuno di voi partecipi agli sforzi della comunità per evitare che l’Agenzia si trasformi in un luogo di perdizione…

 

Un’ultima cosa. Sì, è vero che l’Azrak deriva dalla gelatina verde, grazie a un processo originariamente creato dai Syaans. E capisco che debba essere difficile per i più anziani tra voi fidarsi di una sostanza del genere, sapendo che la sua creazione fa affidamento sulla conoscenza di un popolo a lungo visto come nostro nemico. Ma non dobbiamo dimenticare che è anche grazie ai Syaans che siamo vivi oggi!

 

Quindi dimenticate le vostre vecchie abitudini, le vostre vecchie lamentele, e le vostre credenze antiquate. Dobbiamo adattarci a questo nuovo sistema, questo nuovo modo di vivere. Non abbiamo scelta: dobbiamo restare uniti. Allenarsi e sviluppare le proprie abilità personali come Agente è ottimo, ma dedicare il proprio tempo e i propri sforzi all’Agenzia e gli uni agli altri è essenziale. Non dimentichiamoci che gli Eloi sono là fuori in attesa che facciamo un errore. E quando lo faremo, ci troveranno e ci annienteranno. Non scoraggiatevi! Restiamo uniti e saremo vittoriosi!”.

 

Tess tace. Il suo cuore batte all’impazzata, i suoi pugni sono serrati. Davanti a tanta convinzione, molti restano senza parole. Ma diverse voci incoraggianti si alzano dalla folla silenziosa, e uno scroscio di applausi ne segue l’esempio.